Il Rubastino è tornato

A Ruvo di Puglia “Il rubastino” è tornato in edicola, dopo una pausa causata dall’emergenza Covid.
Un ritorno di fiducia e speranza.
La copertina del nuovo numero è dedicata alla transumanza, antichissima pratica agropastorale di migrazione stagionale del bestiame in terra murgiana.
La transumanza tra le regioni Puglia, Molise e Abruzzo contemplava lo spostamento di quasi un milione di ovini e di altrettante mandrie di vacche: sono tangibile testimonianza oggi di questa ultrasecolare pratica i tratturi, le antiche vie erbose di collegamento tra Puglia e Abruzzo. L’attività della transumanza non è solo storia, ma ha un notevole impatto socio economico e ambientale per la Puglia e per le regioni limitrofe.
Leggere “il rubastino” è un viaggio virtuale tra patrimonio immateriale, antichi mestieri, prodotti enogastronomici, luoghi da scoprire e molto altro ancora.
In questo primo numero del 2020, ci fa sapere il coordinatore editoriale Antonello Olivieri, ovviamente molto spazio è dedicato alla questione Covid; ma non si parla solo di Covid, ma di tanti argomenti che stanno a cuore ai lettori, ruvesi e non.
Ben tornato quindi al Rubastino (e buon compleanno ad Antonello, che proprio oggi compie gli anni!).

 

Aggiungi un piatto a tavola

Simpatica ed intelligente eco-iniziativa della Pro Loco di Sant’Angelo in Vado.
L’abbiamo letta sul loro giornale, El Campanon, e ve la riproponiamo, con le loro parole.
Ben venga infatti tutto quanto può essere utile per ridurre il nostro abnorme consumo di plastica.
 
“In questa difficile quarantena quanti di voi stanno sbaraccando mansarde e garage? Ripulendo credenze e madie? Riscoprendo oggetti accumulati negli anni?
Se fra questi vi sono anche piatti e posate spaiate, in disuso, o servizi che non avete mai utilizzato, ai quali puoi essere data una nuova vita, allora potete aiutarci!!
Per i nostri eventi vorremmo infatti eliminare i rifiuti utilizzando piatti e posate lavabili.
Se questa idea vi piace e volete aiutarci, Donateceli!
‼️Come fare:‼️
1. Cerca in casa piatti e posate che non usi più (avvisa anche mamme e nonne)
2. Scatta una foto
3. Condividila taggando la proloco con l’#aggiungiunpiattoatavola
4. Mettili da parte
Appena sarà possibile verremo a prenderli a casa tua!
Riceverai un certificato ad honorem autografato dal nostro Presidente.