Vivere Istrana

Riprendiamo dall’ultimo numero, di maggio, del quadrimestrale “Vivere Istrana” , la notizia del rinnovo, per il triennio 2016-2018, del Direttivo della Pro Loco, editrice del giornale. Rinnovo delle cariche nel segno della continuità: riconfermato presidente Amadio Favaro; vicepresidenti Giuseppe Rossi e Davino Pozzeban, in segreteria Maria Grazia Gasparini.

Auguri di buon lavoro da GEPLI

Direttivo Istrana

Da Terralba, Marceddì, un mare di bellezza e delusioni

logoE’ uscito il numero di marzo di Terralba Ieri&Oggi.

68 pagine su carta patinata, stampato in 5000 copie.
Ricchi di spunti i contenuti, fra cui:
– uno speciale sulla borgata marina di Marceddì, frazione di Terralba; il titolo “Un mare di bellezza e delusioni”
– una raccolta di pezzi (Le storie del 900), su “I caduti in guerra del 1917”, “1914, nelle abitazioni arriva l’acqua potabile”, “L’influenza spagnuola fa una strage: 195 i morti” e “1902, il paese sotto shock per un duplice omicidio”.

Arrivederci ad agosto per il prossimo numero della rivista, edita dalla Pro Loco di Terralba, unica testata di pro loco presente in Sardegna.

I 30 anni della Serra

La Pro Loco di Coreno Ausonio festeggia i 30 anni del periodico di vita corenese “La Serra”. Qui di seguito il Comunicato Stampa:

“In questi giorni è in distribuzione il numero 116 de “La Serra”, già spedito alle tante famiglie dei corenesi sparse per il mondo. In allegato al questo primo numero del trentesimo anno – che riporta in copertina il suggestivo disegno dell’artista locale Eliseo Belmonte –  l’associazione Pro Loco di Coreno Ausonio pubblica una raccolta di cunti tratti dalla memoria di anziani collaboratori del giornale e pubblicati nel corso degli anni. All’interno tanti racconti della tradizione come Gliu cunthu regliu ciciu, Gliu Trisoru, Sparra mitthi tavola, Criccu e Croccu e tanti altri.

2011serra1.qxd

Una buona occasione per la raccolta è stata la giornata nazionale del dialetto, promossa dall’Unione nazionale delle Pro Loco italiane, dello scorso 17 gennaio. Il titolo della collezione “Gliu Trisoru” richiama inevitabilmente il valore del dialetto come prezioso elemento del patrimonio immateriale del piccolo paese aurunco, ma anche dell’intero territorio, che la Pro Loco intende custodire e rianimare.”

 

Un “PAESE MIO” tutto nuovo

primo trimestre 2016

Molte novità per Paese Mio, il trimestrale organo ufficiale di UNPLI Piemonte.
Sono cambiati, col primo numero di quest’anno, il formato, la grafica, il logo della testata, il direttore responsabile. Cioè praticamente tutto.
20 le pagine, tutte a colori. Le 4 pagine centrali sono, grazie ad un accordo di collaborazione già in corso, lasciate come contenuti ad UNPLI Toscana.
A pag. 2 e 3 i saluti del direttore uscente, Lino Falco ( 30 anni con Paese Mio, il titolo del suo pezzo ), e del presidente del Comitato regionale uscente, Bruno Verri, che non si ricandida in questa tornata di rinnovi dei comitati UNPLI. Fine corsa per il bene comune, il titolo del pezzo con cui si congeda.
Con perfetta simmetria, nelle pagine successive, si presentano il nuovo presidente “in pectore” Giuliano De Giovanni ( “Un popolo in cammino raggiunge sempre la propria metà” ) e il nuovo direttore del giornale Riccardo Milan ( “Una stretta di mano”).

Conferme a Tiggiano

testata39parallelo

Nel segno della continuità il rinnovo del Consiglio Direttivo alla Pro Loco di Tiggiano, editrice del bimestrale 39° Parallelo.
Riconfermato presidente Massimo Alessio; confermato pure Ippazio Martella, col compito di responsabile di sede, oltre che – quello per cui meglio lo conosciamo in GEPLI – di coordinatore editoriale del giornale.
Inoltre, come sottolinea l’articolo su 39° Parallelo di aprile dedicato al rinnovo del Direttivo, ” L’elezione è stata anche un’occasione per testare il livello di gradimento della Pro Loco e il suo essere radicata sul territorio; la prova è stata sicuramente superata atteso l’entusiasmo con cui tanti volti nuovi si sono proposti per entrare a far parte del Consiglio Direttivo …”

Rinnovo del direttivo a Ruvo di Puglia

torrione aragoneseRinnovo delle cariche sociali presso la Pro Loco di Ruvo di Puglia, una fra le più attive, col suo giornale Il Rubastino, fra quelle del mondo GEPLI.
Rocco Lauciello è stato confermato alla guida della Pro Loco di Ruvo di Puglia. Ad affiancarlo, nel ruolo di vicepresidente, sarà Antonello Olivieri.
Domenica 10 aprile si sono svolte le votazioni per il rinnovo degli organi sociali per il quadriennio 2016-2020, in occasione dell’assemblea straordinaria dei soci.
Dopo le elezioni e le prime riunioni operative, l’esecutivo ha eletto le sue cariche. Confermato all’unanimità il presidente Lauciello, al suo secondo mandato. Entrano a far parte del nuovo direttivo, oltre agli uscenti Cleto Bucci, Pino Lovino e Franco Sparapano, i nuovi membri Giuseppe Caldarola, Antonello Olivieri (vicepresidente) ed Elisabetta Stragapede.
«Una scelta all’insegna della continuità, ma anche del rinnovamento – sostiene Lauciello -. Il neo presidente sarà affiancato da numerosi giovani, chiamati a portare un impulso di entusiasmo e novità all’interno del direttivo. La volontà è quella di proseguire il lavoro che abbiamo svolto in questi anni e allo stesso tempo di intraprendere nuove iniziative, che vedano protagonisti proprio i giovani. Il loro ingresso nel consiglio rappresenta un evento di grande importanza, perché ci consente di guardare al futuro della nostra associazione con maggiore ottimismo. Gli obiettivi sono stati, e saranno, la promozione sociale, la valorizzazione delle realtà e delle potenzialità naturalistiche, culturali, storiche, turistiche ed enogastronomiche di Ruvo di Puglia».