Appuntamento con i Rofioi

Ritorna a Sanguinetto, come ogni anno a inizio settembre, un goloso appuntamento, quello con i rofioi.

La ricetta che ancora oggi si usa è datata 1931, ma i rofioi nascono prima, nella seconda metà dell’800, in una delle quattro contrade della località del Basso Veronese. Questi dolci sono nati per una festa particolare, quella del 12 settembre, il Santo Nome di Maria. Venivano preparati il giorno prima e venivano appesi durante la notte, così che i bambini del paese potessero trovarli quasi magicamente nel mattino della festa. Il loro nome deriva probabilmente dalla parola “ravioli” per la loro forma. Sono effettivamente dei ravioli dolci e fritti.

Risale a un anno fa, per questo dolce tipico, un importante riconoscimento: l’inserimento, primo prodotto della provincia di Verona ad ottenerlo, nell’Albo Regionale dei prodotti De.Co (a Denominazione Comunale) del Veneto.

Passeggiata letteraria

La Pro Loco di Ruvo di Puglia propone, per il pomeriggio del 30 agosto, una passeggiata letteraria nel cuore del centro antico, per scoprire o riscoprire a passo lento gli scorci più belli e i luoghi più caratteristici della nostra città.
Il percorso sarà accompagnato dalle parole di poeti e scrittori che nei secoli si sono lasciati trasportare dalla bellezza unica di quel centro storico.

Per chi fosse in zona, da non perdere.

A.A.A. Cercasi direttore

A.A.A. Cercasi direttore disperatamente, così titola l’editoriale di Valeria Verri, direttore “uscente” della gloriosa testata di Lu Monferrato, nell’ultimo numero di luglio. Dimissioni, per motivi di famiglia ed impegni di lavoro milanesi, dopo quattro anni passati al timone del giornale.

Scrive Valeria: “Confido che fra Lu e Cuccaro si formerà una nuova squadra di giovani che prenderanno in mano le redini del giornale. Al Pais d’Lu lo leggevano mia nonna, le mie zie, mio padre durante i suoi anni brasiliani, lo legge mia madre che nemmeno è di Lu, lo leggono in Canada, in Argentina, negli Stati Uniti. Insomma è una ricchezza che va salvaguardata. Io ho fatto volentieri da vestale, tenendo il fuoco acceso in questi quattro anni, adesso è il tempo di passare la mano”.

Che succederà adesso? Vedremo nel numero di settembre, che riteniamo sarà firmato da Massimo Brusasco, condirettore responsabile della testata luese.

Malo, raccontata dagli studenti

La Pro Malo, per festeggiare i 45 anni del suo giornale Malo 74, ha lanciato un concorso a premi, riservato alle classi delle proprie Scuole Medie. Il titolo del concorso è: “MALO, COSI’ VE LA RACCONTIAMO NOI”.

Gli studenti potranno, nei prossimi mesi di ottobre e novembre, vivere l’esperienza di redazione del giornale producendo un proprio menabò in formato digitale.

Recenti copertine di Malo 74

Direttori da sempre

Sono tanti, fra i giornali di Pro Loco, gli esempi di testate molto longeve.

Per qualcuna di esse, anche è da record la permanenza in carica nella funzione di Direttore Responsabile.

Ecco qualche esempio:

  • Angelo Tedone, dal 1972 direttore del Rubastino di Ruvo di Puglia
  • Gianluigi Fontana, dal 1974 direttore di Malo 74, nata a Malo (VI) nello stesso anno
  • Nicola Conforti, fondatore nel 1974 e direttore da allora della Sorgente di Caposele (AV)
Angelo Tedone, primo a destra, alla consegna del premio Unpli per le lingue locali

La Voce delle Forme

La scoperta della presenza di questa testata giornalistica, una delle poche attive in questo momento in Abruzzo, ci arriva da Gabriele Di Francesco, nella sua veste di Responsabile della Comunicazione per UNPLI Abruzzo. Per quanto ricaviamo dall’immagine di copertina, la testata ha periodicità semestrale ed è registrata dal 2017 presso il Tribunale di Avezzano. Il progetto editoriale è di Fiorella Paris, che ne è anche Direttore Responsabile.

Forme è una frazione di circa 500 abitanti del comune di Massa d’Albe, in provincia dell’Aquila.

Il paese è situato alle pendici del monte Velino a 1 020 m S.l.m. , e dista 10 km da Avezzano. Il paese è ben collegato ad Ovindoli, nota stazione sciistica e di villeggiatura.