Sagre sicure: dal Prefetto Gabrielli presto un Vademecum


Una delegazione dell’UNPLI Piemonte, guidata dal presidente regionale (e vicepresidente nazionale) Giuliano Degiovanni, ha avuto un incontro a Roma lo scorso 14 giugno con il Prefetto Gabrielli. Scopo dell’incontro, a cui hanno partecipato numerosi parlamentari e politici del cuneese, le problematiche di applicazione delle nuove norme di sicurezza alle feste e sagre di paese.
“Sono soddisfatto per l’incontro che abbiamo avuto e per aver compreso che il prefetto Gabrielli ci tiene molto alla difesa della cultura locale e alla sicurezza dei cittadini che debbono poter far festa in serenità. La nostra Unpli è una Unione che sa affrontare le problematiche cercando di organizzare al meglio quelle collaborazioni necessarie con le autorità preposte. Credo anche che sia emersa in modo chiaro la necessità di semplificare le procedure continuando a promuovere i valori dei nostri territori”. Questo in sintesi il commento del Presidente dell’UNPLI del Piemonte. Il capo della Polizia, Prefetto Gabrielli, ha ascoltato e si è espresso con autorevolezza sino ad arrivare a proporre un Vademecum che semplifichi la interpretazione delle nuove norme di sicurezza che vengono imposte alle sagre ed alle feste di paese.
Così conclude Degiovanni: “Ottima è stata la sinergia tra i parlamentari della provincia di Cuneo: i deputati Monica Ciaburro, Flavio Gastaldi, Enrico Costa e Guido Crosetto, l’eurodeputato Alberto Cirio, il senatore Giorgio Bergesio, il senatore Marco Perosino e il vice Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte, Francesco Graglia. Come Unpli sappiamo di poter contare sulla passione di tanti eletti con i voti anche dei cittadini che animano la cultura locale. Rileggere i nostri eventi alla luce del Vademecum Gabrielli sarà un’occasione di maggior coesione sociale.”

Gorgonzola … a Cameri


31 edizione della Sagra della Gorgonzola, il prossimo fine settimana del 26/27 maggio 2018 a Cameri (No).

Ecco l’appetitoso programma per le Pro Loco ospiti:
– Accoglienza presso Latteria Sociale di Cameri
– Visita guidata dello stabilimento di produzione
– Aperitivo
– Pranzo alla Sagra del Gorgonzola

Menù:
Antipasto Tricolore
Tris di primi al Gorgonzola
Arrosto alla crema di Gorgonzola
Gli Erborinati dlà Lataria da Cambra Dolce – Caffè – Ammazza Caffè

Organizzazione
Latteria Sociale di Cameri Str.da per Novara, 67
Rione Cavallo Via Novara, 47
Pro Loco di Cameri P.za Dante, 25 Cameri

Per ulteriori informazioni:
proloco.cameri@gmail.com 339 8197315

Il carciofo più buono che c’è


In questo fine settimana lo svolgimento di questa sagra, ormai di rilevanza nazionale. Lo dimostra la presenza di numerosi stand in arrivo da altre regioni. Vogliamo citarne due, che saranno presidiati da Pro Loco che hanno scritto la storia di Gepli: dal Friuli, la Pro Loco di Spilimbergo, che porta a Ladispoli vini e prosciutti del suo territorio; a rappresentare il Piemonte, la Pro Loco di Caselle Torinese, che propone il suo salame di turgia, e tanto buon barbera.

Qui di seguito la storia della Sagra del carciofo romanesco, raccontata dalla Pro Loco di Ladispoli:
La Sagra del Carciofo Romanesco nasce nel 1950 con l’obiettivo di rilanciare Ladispoli, così i fondatori della neonata Pro Loco mentre discutevano nella trattoria ‘’La Tripolina’’ ebbero la brillante idea di sfruttare il prodotto tipico locale: il carciofo. Ortaggio particolarmente diffuso nelle campagne locali e considerevolmente apprezzato.
Infatti in quell’anno, il giorno 2 aprile, si svolse la primissima sagra del carciofo Romanesco, la quale riscosse talmente tanto successo da attirare l’attenzione della stampa, aumentando il turismo e incrementando la crescita commerciale del paese, ciò aprì alla popolarità di questa manifestazione i mercati del nord come: Firenze, Padova, Bologna e Verona che iniziarono a richiederne grandi quantitativi. Ora questa sagra si presenta come una manifestazione fieristica di tipo commerciale e gastronomico. Si tratta della più antica kermesse a livello mondiale dedicata a questo ortaggio che vanta oltre quaranta tentativi di imitazione. L’intento originario, rimasto immutato per tutte le successive edizioni della sagra, era quello di divulgare e far conoscere nel territorio circostante questo ortaggio, le sue virtù e allo stesso tempo promuovere Ladispoli oltre i suoi confini.
La sagra ha cadenza annuale e la sua data è fissata in base al calendario agricolo e alla raccolta dei carciofi; normalmente si svolge nel mese di aprile seguendo di poco le festività pasquali. La manifestazione dura tre giorni, dal pomeriggio del venerdì, con l’arrivo dei primi espositori, alla domenica sera, quando si svolge la cerimonia di chiusura con grandi spettacoli pirotecnici. Da ormai molti anni la sagra è anticipata da una manifestazione di carattere gastronomico che prende il nome di “Bi-Settimana Gastronomica”. Durante questa iniziativa i migliori ristoratori della città propongono diversi menu a prezzo fisso a base esclusivamente di carciofi, dall’antipasto al dessert.
Per la gioia di tutti gli appassionati di enogastronomia di eccellenza, nel 2001 la sagra si è distinta per due eventi fondamentali che le hanno dato caratteristiche di assoluto prestigio: in primo luogo la sagra è divenuta fiera nazionale grazie alla partecipazione nelle passate edizioni di un numero sempre crescente di espositori provenienti da tutta Italia; in secondo luogo nel novembre dello stesso anno al Carciofo Romanesco è stata attribuita la denominazione IGP. Oggi la Sagra del Carciofo è diventata un appuntamento fisso con le tradizioni ed il folklore ed è il biglietto da visita della nostra cittadina non solo in Italia ma anche all’estero.
Dal sito www.prolocoladispoli.it

Infine, il link al filmato“Vulcani e carciofi: perché siamo così speciali” in cui Claudio Nardocci ci spiega il legame fra la geologia del suo territorio e questo gustoso ortaggio.
https://www.facebook.com/claudio.nardocci/videos/1924230507618725/?hc_ref=ARTPlrV9HbPnPXC1Tp-9BL5PLpNcYZt_p8usd8mZK4L5wghDbzXyshf9whzuxI8PYCc

Cameri contadina

Domenica 29 aprile, a Cameri (No), la manifestazione Cameri Contadina, passeggiata enogastronomica lungo le vie del paese.
Il percorso a piedi segue il tracciato della “rusgia”, l’antico canale a cielo aperto che attraversa il paese e da cui ha preso anche il nome la rivista trimestrale edita dalla Pro Loco di Cameri.
Il percorso della passeggiata si snoda lungo le vie del centro storico, partendo da Piazza Dante, la piazza al centro di Cameri, dove per l’intera mattinata sarà allestita una piccola mostra a cielo aperto su macchine agricole del passato e una rassegna di modellistica di macchine funzionanti.
I luoghi e monumenti di interesse culturale saranno presentati da guide locali volontarie, che intratterranno piccoli gruppi di 8-12 persone con partenza dalla piazza alle ore 11, a cadenza di 10 minuti partendo dal gazebo dell’Associazione Turistica Pro Loco di Cameri.
Sono previste soste culinarie in diversi punti del percorso. Per l’aperitivo\antipasto si deve attendere di arrivare alla Roggia sita in via Diaz che congiunge con via S.Francesco. Questi viene servito in piedi ed a piccoli gruppi. Il primo piatto sarà servito presso l’area mercato. Il secondo piatto ed il dolce saranno serviti all’arrivo dei gruppi presso l’area esterna della biblioteca.

Fontane danzanti

Da ieri “il rubastino” è in edicola, a Ruvo di Puglia, nella città in festa per la Sagra del Fungo Cardoncello, giunta quest’anno alla XIII edizione.
E a una delle attrazioni della Sagra è dedicata la pagina di copertina: le Fontane Danzanti. Magiche combinazioni di giochi d’acqua, fuoco, musica, luci e colori creati magistralmente dal vivo che immergono lo spettatore in un infantile stupore.
Lo spettacolo, che costituirà stasera il gran finale della Sagra, sarà alle ore 20 in piazza Matteotti.

La sagra più attesa, a Ruvo di Puglia

Ecco, in arrivo dalla Pro Loco amica di Ruvo di Puglia, il tanto atteso programma ufficiale della Sagra del Fungo Cardoncello, giunta alla XIII edizione.
Il Fungo Cardoncello, il vino novello, visite guidate, passeggiate naturalistiche, convegni tematici, i piatti tipici della tradizione, spettacoli ed eventi concomitanti sono previsti alla kermesse enogastronomica che, soprattutto negli ultimi anni, ha reso la città uno dei principali poli turistici attrattivi della Puglia.
Tanti i “buoni” motivi per non perdere, sabato 11 e domenica 12 novembre, l’irrinunciabile weekend ruvese con la natura e l’enogastronomia “scelta” e di qualità; non resta che invitare tutti quelli che vorranno partecipare alla Sagra e fare passaparola fra amici.