Liberi di scrivere

Dal numero di maggio del mensile Il Corniglianese, edito dalla Pro Loco genovese di Cornigliano e giunto al suo settimo anno di vita, riportiamo l’editoriale del direttore Enrico Cirone:

Una passione, la nostra, di chi scrive sui giornali, che non ha mai reso molto sul piano dei rientri economici nostri e degli editori e che nell’ultimo ventennio è stata fonte, per loro, di perdite colossali, ma che evidentemente valeva molto di più di quel che appare nei buchi dei bilanci della stampa. Spiego. Possedere un giornale vuol dire un indiscutibile beneficio che può valere un sanguinoso sacrificio economico. Perché? Perché puoi fare pressione, ingaggiare battaglie, stimolare l’opinione pubblica sui temi del giorno che stanno a cuore… ma a chi? Ma ai tuoi affari, ovviamente. Serve per tacitare le ombre dei tuoi business. Insomma: il quarto potere è servito à la carte. Sì, alla carta, nel senso: del quotidiano e degli interessi dell’editore. Ecco che conta a tal punto da sopportarne i pesanti deficit, pur di appoggiare i suoi interessi concreti. È questo il filo che collega tutti i padroni di un’editoria drogata. Nel nostro settimo anno posso garantire che, oltre al piacere e alla voglia di stare insieme, nessun bilancio toglie qualcosa alla nostra libertà di aggiornarvi. Chiamatela come volete. Chiamatela semplicemente ‘libertà’. Di scrivere, e di lèggere.”

Condiviso al 100%

Matricole

Siamo a una sola settimana di distanza dall’atteso appuntamento friulano a Mortegliano, per l’ottava edizione dell’Incontro dei Giornali Pro Loco.

Un particolare benvenuto per quelle Pro Loco che partecipano per la prima volta a quest’incontro, le”matricole”:

  • Pro Loco di Cameri (No), giornale La nuova Rusgia
  • Pro Loco di Terralba (Or), giornale Terralba Ieri &Oggi
  • Pro Loco Guadense (PD), giornale Il guado dell’antico mulino
  • Pro Loco di Malo (VI), giornale Malo 74

I turchi a Mortegliano

Dal sito FB della Pro Loco di Mortegliano, una “pillola di storia”.

Nel 1499 l’ultima invasione ottomana flagellò il Friuli. Anche Mortegliano, per la sua posizione, subì l’invasione delle orde turche. La mattina del 4 ottobre un gruppo di Mehter (bande armate mercenarie) uscì dai boschi limitrofi della zona attaccando gli inermi popolani che lavoravano nei campi, uccidendoli ed esibendo le loro teste mozzate infilzate sulle picche come trofeo. Il resto della popolazione si rifugiò all’interno della cortina. L’assalto proseguì per tutto il giorno, ma gli ottomani non riuscirono a scavalcare il fossato che cingeva le mura e furono respinti più volte con proiettili e tutto quello che la popolazione aveva a disposizione. Nella notte, mentre buona parte della popolazione pregava la Vergine Maria nell’antica chiesa di San Paolo, due contadini partirono per Udine per ottenere rinforzi dalle truppe della Serenissima. L’unico aiuto ricevuto fu solamente polvere da sparo e munizioni, “tanto quanto riuscivano a trasportarne”. All’alba del 5 ottobre ripresero gli assalti ma la popolazione resistette e respinse l’orda degli invasori. Mortegliano pagò con 29 vite la sua salvezza.

Epilogo: nell’ottobre del 2013, l’Ambasciatore turco, in visita a Mortegliano, riceve simbolicamente, come segno di pace, le chiavi della città che non riuscirono ad espugnare 514 anni prima.

Cambi e riconferme a Corneliano e Cameri

Primavera è stagione di elezioni per rinnovare consigli direttivi e cariche in molte Pro Loco.

Dai giornali La Chiacchiera, di Corneliano d’Alba (CN), e La nuova rusgia, di Cameri (NO), ecco quanto capitato nelle rispettive Pro Loco.

Mercoledì 17 aprile, presso il Centro Culturale “Cascina del Parroco”, si è svolta l’Assemblea dei Soci della Pro Loco di Corneliano, che ha eletto il nuovo direttivo.

Il nuovo direttivo della Pro Loco di Corneliano

Nella successiva riunione del 30 aprile, il nuovo Direttivo ha eletto come Presidente Taricco Gabriella, Vice Presidente Giordano Gaetano, Tesoriere Navazio Claudio, Segretario Taricco Roberta .

Carlo Alfero, presidente uscente, nel suo saluto ha dichiarato: “Lasciamo una Pro Loco economicamente sana e auguriamo a tutti i nuovi dirigenti della Pro Loco di continuare questo prezioso impegno che permette a Corneliano di sentirsi un paese vivo, coeso e al passo con i tempi.”

Nel segno della continuità le votazioni all’interno della Pro Loco di Cameri. Battistino Poggi è stato riconfermato presidente. Emanuele Astori e Giulia Sanmartino i due vicepresidenti, tesoriere Mariolina Bertolino, segretaria Cinzia Bertolino.

La squadra 2019-2022 della Pro Loco di Cameri

Avvicendamenti

Avvicendamenti in alcune Pro Loco del Triveneto seguite da GEPLI per la presenza di un giornale al loro interno.

A marzo scorso, dopo alcuni travagliati passaggi, è stato eletto nuovo presidente della Pro Spilimbergo Eugenio Giacomello. Il presidente uscente, Marco Bendoni, dopo 15 anni di presidenza e tre mandati consecutivi, non si è più candidato. La Pro Spilimbergo aveva festeggiato nell’autunno del 2018 i 70 anni di vita. Anche il suo giornale, Il Barbacian, iniziò le pubblicazioni nel lontano 1963.

Nel nuovo direttivo, eletto a marzo scorso, su 11 componenti ben 9 sono alla prima esperienza. C’è stato quindi un forte rinnovamento. “Auguro a questi ragazzi di rimanere a lungo in Pro Loco. Il futuro è loro” ha commentato Marco Bendoni.

Nella foto il gruppo dei volontari della Pro Spilimbergo in una delle prime uscite della nuova gestione, a Sapori Pro Loco del Friuli.

Un altro avvicendamento importante alla Pro Malo. Nella Pro Loco vicentina, famosa per l’organizzazione di un Carnevale fra i più seguiti nel Veneto, a maggio è diventato operativo l’avvicendamento nella presidenza. Dopo una votazione combattuta, il presidente uscente Fernando Zambon ha ceduto il passo al presidente entrante Pino Turone.

Sull’ultimo numero di aprile del bimestrale Malo 74 il commiato, nell’editoriale, di Fernando Zambon, che dice “Dividersi non ha senso, specialmente in una località relativamente piccola , dove le forze sono limitate ed è necessario farne tesoro unendole sui progetti”.

Terralba Ieri & Oggi

Terralba Ieri & Oggi, per quanto ci consta, è l’unica testata giornalistica edita da pro loco attiva attualmente in Sardegna.

Qui sotto la copertina dell’ultimo numero pubblicato il mese scorso.

numero di aprile 2019

È con grande piacere quindi che GEPLI ha appreso che anche questo giornale sarà presente, per la prima volta, all’edizione numero 8 dell’Incontro Nazionale dei Giornali Pro Loco, in programma il 15 giugno prossimo a Mortegliano (UD).