Il Rubastino è tornato

A Ruvo di Puglia “Il rubastino” è tornato in edicola, dopo una pausa causata dall’emergenza Covid.
Un ritorno di fiducia e speranza.
La copertina del nuovo numero è dedicata alla transumanza, antichissima pratica agropastorale di migrazione stagionale del bestiame in terra murgiana.
La transumanza tra le regioni Puglia, Molise e Abruzzo contemplava lo spostamento di quasi un milione di ovini e di altrettante mandrie di vacche: sono tangibile testimonianza oggi di questa ultrasecolare pratica i tratturi, le antiche vie erbose di collegamento tra Puglia e Abruzzo. L’attività della transumanza non è solo storia, ma ha un notevole impatto socio economico e ambientale per la Puglia e per le regioni limitrofe.
Leggere “il rubastino” è un viaggio virtuale tra patrimonio immateriale, antichi mestieri, prodotti enogastronomici, luoghi da scoprire e molto altro ancora.
In questo primo numero del 2020, ci fa sapere il coordinatore editoriale Antonello Olivieri, ovviamente molto spazio è dedicato alla questione Covid; ma non si parla solo di Covid, ma di tanti argomenti che stanno a cuore ai lettori, ruvesi e non.
Ben tornato quindi al Rubastino (e buon compleanno ad Antonello, che proprio oggi compie gli anni!).

 

Giornata Europea della Cultura Ebraica: gli eventi organizzati a Castroreale

Si tiene quest’anno domenica 6 settembre la ventunesima edizione Giornata Europea della Cultura Ebraica.

In Italia sono oltre novanta le località coinvolte da questa manifestazione, all’insegna della conoscenza e dell’approfondimento dell’ebraismo, e dell’incontro tra culture.

Fra le 90 località, in Sicilia segnaliamo Castroreale, dove, sotto il coordinamento dell’Assessorato alla Cultura, sono stati tanti gli eventi organizzati per l’occasione.

“Al pais d’Lu” si espande

Bella mossa per la giovane redazione del giornale monferrino, rinforzata da nuovi arrivi, dopo la crisi dell’anno scorso seguita alle dimissioni della precedente Direzione. Rinfrancati dal successo del numero doppio di aprile-maggio (uscito a 24 pagine anzichè 16), “Al Pais d’Lu” nel numero di giugno presenta un’altra positiva novità: l’allargamento della zona di copertura del giornale al confinante paese di Mirabello. Si tratta della prima espansione verso la piana casalese, dato che la testata, nata a Lu nel 1976, già da anni è presente nei vicini borghi collinari di Cuccaro e Fubine. Nel numero di giugno 3 delle 16 pagine sono dedicate quindi a Mirabello.

Rinnovati auguri e complimenti da parte di Gepli.

Notizie da Ferentino

Sul numero di aprile di Frintinu Me, il bimestrale della Pro Loco di Ferentino, due notizie interessano direttamente la redazione.

Aldo Affinati

La prima riguarda il raggiungimento del traguardo dei vent’anni nell’incarico di Direttore Responsabile di Frintinu Me per Aldo Affinati, iscritto all’albo dei giornalisti pubblicisti del Lazio e corrispondente del quotidiano Ciociaria Oggi.

La seconda notizia riguarda l’ingresso della giornalista Cristina Iorio nella funzione di vicedirettore di Frintinu Me. Ed è di Cristina Iorio la firma a pagina 2 di un servizio relativo a come vive l’emergenza Covid la città di Rockford, nello stato dell’Illinois, gemellata con Ferentino.

Ad entrambi, direttore e vicedirettrice, le congratulazioni e gli auguri di prosecuzione di buon lavoro da parte di GEPLI.

Il Tornado ha cambiato direttore

Il numero 734, del 15 febbraio, era ancora firmato da Mauro Mazzocco.

Il numero 735, del 12 marzo, dello sprintoso quindicinale bellunese, vede il subentro come direttore responsabile di Cesare Turra, laureato in giurisprudenza all’università di Padova con master in mediazione dei conflitti, un secondo master universitario in Design dell’offerta turistica, e infine una grande passione per il giornalismo.

Un passaggio di consegne che era stato già preannunciato, e che prelude ad altre novità sul fronte dell’editore, che non dovrebbe più essere la Pro Loco di Fener.

Lutto

Poco fa abbiamo avuto notizia del grave lutto che ha colpito il professor Gabriele Di Francesco, per la perdita della moglie Francesca.

Tutta la comunità dei giornali delle Pro Loco nel corso degli anni ha avuto la possibilità di conoscere ed apprezzare Gabriele, sempre presente ed attivo nei convegni Gepli fin dal primo incontro a Caselle Torinese nel marzo 2012.

Questa stessa comunità esprime pertanto le sue condoglianze a Gabriele in questo triste momento.