La Casa di Riposo si rifà il look e resiste al Covid

In tempi di Covid le Case di Riposo (o RSA, come ora è diventato di moda chiamarle) sono diventate obiettivi sensibili. Dal bimestrale El Peagno riprendiamo questo articolo che racconta come è stata riorganizzata la vita quotidiana per gli ospiti della Casa di Riposo di Sanguinetto. Videochiamate e plexigas per i contatti coi parenti; tamponi mensili per ospiti e operatori. La vita così continua.

Alla Casa di Riposo in tempo di pandemia anche le cose più normali diventano difficili perché, oltre a evitare ogni contatto con l’esterno, bisogna rispettare le distanze minime tra un ospite e l’altro e rimanere ognuno al proprio piano, con i soli spostamenti essenziali dal proprio posto. Queste restrizioni, tuttavia, non hanno impedito di trovare un nuovo ritmo di comunità: le visite dei parenti sono continuate e continuano, ma su prenotazione, a turno, per mezz’ora e dietro la protezione del plexiglass; si sono effettuati frequenti contatti telefonici e videochiamate con i familiari, per rinsaldare gli affetti e fugare la malinconia e il senso di solitudine; ci sono stati frequenti e calorosi contatti video col parroco don Mattia, che speriamo presto di accogliere di persona; le attività educative e ricreative sono proseguite con regolarità e si sono arricchite di qualche uscita all’esterno, quando il clima e le circostanze lo hanno permesso, e i compleanni di luglio e agosto si sono festeggiati rimanendo al proprio piano, arrangiandoci con la musica registrata che supplisce decorosamente quella dal vivo che ci offrivano i volontari. Nel bimestre si impongono all’attenzione due dati rilevanti: il primo, che rientra ormai nella routine ordinaria, consiste nei fastidiosi tamponi mensili che finora hanno avuto esito “negativo” per tutti (ospiti e operatori): il che è consolante e ci fa sperare che si prosegua così anche nel prossimo futuro; il secondo riguarda l’assetto interno della Casa: i lavori di ristrutturazione, iniziati più di un anno e mezzo fa, sono finalmente terminati e ci hanno consegnato uno spazioso salone d’entrata, bello esteticamente, che migliorerà la qualità della vita dei nostri ospiti. Anche se siamo “chiusi” riceviamo tante manifestazioni di attenzione e di vicinanza, per cui ringraziamo tutti per l’affetto, e in particolare El Peagno, che ci ospita sempre con grande simpatia e spesso ci fa l’onore della prima pagina.

Le educatrici Melania e Tatiana