La grande guerra

Un po’ in tutta Italia si susseguono le iniziative per ricordare i cento anni dalla conclusione della Grande Guerra.
Fra i tanti eventi organizzati, scegliamo la Settimana della Pace in corso di svolgimento a Mortegliano, nel cuore del Friuli, una località che fu scenario anche di un’importante battaglia decisiva per le sorti del conflitto, la “battaglia di Mortegliano” (ricordata in un nostro precedente post).

Nell’ambito della Settimana della Pace, domenica 28 ottobre si è inaugurata, presso il Campanile di Mortegliano, la Mostra foto-storica “Mortegliano 15-18”.
Domenica 4 novembre, la Settimana si conclude con un grande concerto in Duomo, con il Coro da Camera Gabriel Fourè – solisti dell’Orchestra San Marco di Pordenone.
Due eventi che sono anche l’occasione per valorizzare i due gioielli architettonici della località friulana: il campanile di Mortegliano, il più alto d’Italia, e il Duomo, imponente opera neogotica, della seconda metà dell’Ottocento. All’interno della maestosa chiesa, i visitatori possono ammirare la pala d’altare di Giovanni Martini,esempio di arte lignea rinascimentale del Friuli, la più grande opera del suo genere esistente in Regione, che attira ogni anno centinaia di visitatori dall’Italia e dall’estero.

Cento anni fa, la battaglia di Mortegliano


24 ottobre 1917, la disfatta di Caporetto. 10 novembre 1917, lo scontro decisivo sul Piave. Fra queste due date, decisivi alcuni episodi bellici avvenuti in terra friulana, fra cui la battaglia di Mortegliano del 30 ottobre 1917.
A Mortegliano, piccolo comune agricolo della pianura udinese, si svolse un combattimento importante: qui le truppe della Seconda Armata italiana, con la collaborazione della popolazione locale, rallentarono l’avanzata della Prima Divisione austriaca, quel tanto che basta a consentire alla nostra Terza Armata il completamento del ripiegamento oltre la linea del Tagliamento. Il prezzo pagato furono fra i 300 e 400 caduti in Mortegliano, e l’incendio di numerosi fabbricati civili ove si era concentrata la resistenza.
L’episodio bellico è stato in queste settimane, a cento anni di distanza, ricordato con numerose iniziative, a cui ha collaborato la Pro Loco Comunità di Mortegliano, Lavoriano e Chiasellis. Lo storico Roberto Tirelli ha presentato la pubblicazione “Ove si formò e si difese l’invitta Terza Armata. Mortegliano nella Grande Guerra”, poi distribuita, a cura della Pro Loco, a tutte le famiglie del paese. La stessa Pro Loco ha anche curato l’allestimento, presso l’atrio del Palazzo Municipale, di una mostra di documenti storici sulla Grande Guerra.
Ricordiamo che la Pro Loco di Mortegliano è anche editore della testata L’Ape, una delle tre presenti in regione, e partecipa attivamente alle iniziative di GEPLI. Le altre Pro Loco editrici di giornali in Friuli sono Spilimbergo, con Il Barbacian, e Fontanafredda, con Dimensione Proloco.

Mortegliano in festa

manifesto_2017 festa patronale San PaoloFine settimana speciale a Mortegliano. Oggi sabato 26 gennaio e domani domenica 27 gennaio  nella cittadina friulana c’è il clou dei festeggiamenti per la Festa patronale di San Paolo. Stasera in particolare ci sarà la consegna, a cura della Pro Loco di Mortegliano, del Sigillo d’Oro dedicato al patrono e che verrà conferito a una persona distintasi nei confronti della comunità.

sigillo d'oro S.Paolo Il sigillo d’oro di San Paolo

L'Ape 2015_2016Il periodico della Pro Loco di Mortegliano si chiama L’Ape