Se rivedemo a Ruscio!

Gli amici della Pro Ruscio sono molto preoccupati per quel che sarà del loro territorio. Gli eventi sismici diventeranno motivo per l’abbandono del paese? I  villeggianti ( i romani …) torneranno la prossima estate?

Riprendiamo dalla newsletter pubblicata ieri dalla Pro Ruscio una poesia di Fabrizio Vannozzi:

Se rivedemo a Ruscio

Sento parla’ l’amici e li paesani Già dicheno che sarà n’estate strana Ruscio..senza li Romani….

preoccupati e m’ po m’pauriti pe via de quell’ evento…. De cui nun vojo manco cita’ er nome ce ricorderebbe lo spavento…..

Ma volevo coje l’occasione pe di na cosa Pe esprime n’concetto che da tempo dentro ar core mio se  posa….

È che quello che’successo nun  c’ha logica ne ragione Vie’ così all’ improviso senza na certa previsione

Nun potemo di st’anno nun partimo nun c’annamo Oppure st’anno  rinunciamo

Nun servirebbe a niente Se nun a rattrista’ li cori e l’animo de la gente

Ma ve lo mmagginate sto posto senza na bicicletta Senza l’amico o l’ amica che sta lì ar campetto che c’aspetta!

Ruscio è forte e l’ha dimostrato Co li rusciari che ogni giorno nun hanno mai mollato

Perché sta tera che c’ha cresciuto e sempre coccolato Merita rispetto…e Amore n’condizionato

Certo che chi c’ha li regazzini ce pensa mille vorte prima de fa bagaji e bagajini

Magari scejenno n’arta destinazione N’attesa che se sistema sta triste situazione

Ma a lasciallo solo e spojo a sto paese Vordi’ dajela vinta a quer nemico maledetto Che rende vane tutte l’attese

Che paura e ansie ha seminato… E solo co l’orgojo e la tigna nostra po’ esse eliminato

Vojo pensa’ positivo lascianno perde er lato negativo

Lavoranno su  la mente che va a quelle giornate dar cielo limpido e splendente

Co quell’ aria fresca de montagna che nun fai artro che dormi’ E di…ao quanno se magna

Inutile sta a ricorda’ quelli che so memorabili momenti Legati pure a certi sentimenti

Ruscio lo conoscemo e tutti quanti noi…..sapemo

N’cominciamo a ragiona’ come se deve A dasse …animo forza e pure coraggio E a facce mpensiero serio

Magari….Pijannose m’po de tempo tra la fine der mese d’ aprile e li primi giorni  de maggio….

Daje….

Fabrizio Vannozzi

Gruppo piegatori

Dal numero di febbraio del mensile In Paese, testata della Pro Loco di Brendola, provincia di Vicenza.

piegatori Brendola 2 

L’articolo che accompagna questa foto, titola: “Gruppo piegatori”.

L’articolo così scrive:
Se questo giornale entra nelle case dei brendolani è anche merito loro, il gruppo di volontari che una volta al mese si ritrova nella sede della Pro Loco a piegare, riordinare ogni foglio fresco di stampa e che provvede poi alla consegna nei punti di distribuzione.

A tutti, il nostro grazie.

(La Redazione)

Condividiamo al 100%

 

Diritto di cronaca

ilcorriere2

Riprendiamo dall’editoriale del numero di novembre del Corriere di Garfagnana, scritto dal direttore Italo Galligani, alcuni concetti di utilità generale per i nostri giornali. Scrive Galligani, a proposito di alcune vicende locali che hanno portato a discutere tale tema: “Il diritto di cronaca e di critica è uno dei diritti fondamentali dell’essere umano ed è previsto dall’art. 21 della nostra Costituzione, oltre che dalla Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo e da numerose disposizioni della legislazione europea. Esso si estrinseca nell’estensione più vasta, compresa quella satirica ed ironica, e costituisce una discriminante a condizione che, come afferma in maniera costante la Suprema Corte di Cassazione, rispetti i limiti di verità, continenza e pertinenza. Il primo limite risponde all’esigenza che la notizia pubblicata sia vera, il secondo alla necessità che, nella narrazione del fatto si osservi una serena obiettività, il terzo all’esistenza di un interesse ad informare la collettività di vicende che non siano solo riferibili ad una sfera privata e personale”.

Diminuiscono i lettori dei quotidiani cartacei

I mezzi di informazione in transizione. I quotidiani cartacei perdono lettori, ridotti al 40,5% degli italiani (-1,4% nell’ultimo anno, -26,5% complessivamente nel periodo 2007-2016). Mentre continua ad aumentare l’utenza dei quotidiani online (+1,9% nell’ultimo anno) e degli altri siti web di informazione (+1,3%). Mantengono i propri lettori i settimanali (+1,7%) e i mensili (+3,9%). Questi, relativamente alle testate giornalistiche, i principali dati contenuti nel 13° Rapporto Censis-UCSI presentato lo scorso 28 settembre a Roma.

testata-il-tornado

Lo spunto per citare questi dati ci arriva da Il Tornado, il quindicinale edito dalla Pro Loco di Fener. Il suo direttore, Mauro Mazzocco, così aggiunge, ragionando sul trend dei propri abbonati: “Inutile nasconderlo. Anche noi stiamo patendo un po’ la crisi, forse proprio per la propensione a scegliere canali di lettura diversi da parte delle nuove generazioni. Molte cancellazioni che registriamo sono dovute all’età avanzata dei nuovi abbonati e i nuovi arrivi non riescono a tenere il passo degli abbandoni. Siamo ora in 1230, con una flessione di venti unità rispetto alla vetta storica. Poca cosa, direte. Noi ce la metteremo comunque tutta per recuperare altri lettori, sperando anche nel volano del passaparola”.

 

Politica, in paese

immagine-in-paese

Spesso sui nostri giornali sono, giustamente, riportate le vicende politiche locali. Anche quelle fanno parte della vita del territorio ed è importante raccontarle.

A titolo di esempio, ecco dall’ultimo numero del mensile In Paese, un estratto ( togliendo i nomi propri, non sono quelli importanti) dell’articolo intitolato:

Domande su situazione politica e amministrativa del Comune di …

Nell’estate 2016 la vita politica ed amministrativa del Comune di ….. è stata caratterizzata da un susseguirsi di eventi i cui sviluppi sono ancora in piena evoluzione. Andando per

sommi capi, la cronaca locale ha riportato nell’ordine:

Le dimissioni dell’Assessore al Bilancio …..;

L’azzeramento della Giunta Comunale da parte del Sindaco, che ha ritirato le deleghe a tutti i suoi precedenti Assessori;

– Le dimissioni da Consigliere comunale di  ……,  a cui subentra il primo dei non eletti;

– La recentissima formazione di un nuovo gruppo consigliare misto costituito da quattro componenti provenienti dalla maggioranza

etc. etc

Impressiona il livello di litigiosità che emerge da queste cronache. Una turbolenza infinita, continua.

Deve essere proprio nel nostro DNA di italiani.